GDPR: approvata la delega al Governo per l’armonizzazione della nuova disciplina

Approvata la delega (L.25 ottobre 2017, n. 163, art. 13)  al Governo relativa all’adeguamento della normativa nazionale al nuovo regolamento unico europeo (GDPR- Regolamento 679/2016, in vigore da maggio 2018) sulla protezione dei dati personali all’interno dello spazio comunitario.

Il Parlamento, in attuazione dell’art. 76 Costituzione, ha altresì fissato i seguenti criteri direttivi vincolanti per il Governo:
a) abrogare espressamente le disposizioni del codice in materia di trattamento dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, incompatibili con le disposizioni contenute nel regolamento (UE) 2016/679; b) modificare il codice di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, limitatamente a quanto necessario per dare attuazione alle disposizioni non direttamente applicabili contenute nel regolamento (UE) 2016/679; c) coordinare le disposizioni vigenti in materia di protezione dei dati personali con le disposizioni recate dal regolamento (UE) 2016/679; d) prevedere, ove opportuno, il ricorso a specifici provvedimenti attuativi e integrativi adottati dal Garante per la protezione dei dati personali nell’ambito e per le finalita’ previsti dal regolamento (UE) 2016/679; e) adeguare, nell’ambito delle modifiche al codice di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, il sistema sanzionatorio penale e amministrativo vigente alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 con previsione di sanzioni penali e amministrative efficaci, dissuasive e proporzionate alla gravita’ della violazione delle disposizioni stesse.

Qualora il Governo usufruisse per intero del periodo di delega tributatogli dal Parlamento, i decreti legislativi saranno adottati a ridosso dell’entrata in vigore del nuovo articolato normativo, in ogni caso appare ormai segnata la strada per il pieno ingresso nel nostro ordinamento giuridico della nuova disciplina cui tutti i soggetti dell’ordinamento saranno vincolati anche sul piano delle fonti interne.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *